Sistema bancario statunitense sicuro, anche se due banche crollano

Washington—

Lunedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assicurato agli americani che il sistema bancario statunitense è sicuro e che i contribuenti non salveranno gli investitori di due banche che sono fallite.

“Gli americani possono avere fiducia che il sistema bancario sia al sicuro. I tuoi depositi sono al sicuro “, ha detto Biden in una dichiarazione di cinque minuti rilasciata alla Casa Bianca mentre le attività si aprivano per la settimana lavorativa.

Ha detto che tutti i clienti della Silicon Valley Bank con sede in California e della Signature Bank con sede a New York avrebbero accesso immediato ai loro depositi mentre i funzionari finanziari federali prenderanno il controllo delle loro operazioni.

“Nessuna perdita sarà sostenuta dai contribuenti”, ha dichiarato Biden. “I manager di queste banche saranno licenziati. Gli investitori in queste banche non saranno protetti”.

Ha detto che i depositi dei clienti saranno coperti da fondi che le banche pagano regolarmente su un conto detenuto dal governo degli Stati Uniti per tali emergenze.

Ma ha promesso: “Dobbiamo ottenere un resoconto completo di ciò che è accaduto” alle due banche.

Ha ignorato le domande dei giornalisti sulla causa dei fallimenti, ma gli esperti finanziari affermano che entrambe le banche sono state colpite da un aumento dei tassi di interesse, che ha influito negativamente sui valori di mercato di porzioni significative delle loro attività, come obbligazioni e titoli garantiti da ipoteca.

Le banche non perdono denaro se detengono tali banconote fino alla scadenza. Ma se devono venderli per coprire i prelievi dei depositanti, come è avvenuto nei giorni scorsi, le perdite possono aumentare rapidamente.

La Federal Deposit Insurance Corp. ha riferito che, a livello di settore, le banche statunitensi alla fine dello scorso anno hanno registrato perdite di carta per 620 miliardi di dollari causate dall’aumento dei tassi di interesse.

In una dichiarazione di domenica scorsa, Biden ha dichiarato: “Sono fermamente impegnato a ritenere pienamente responsabili i responsabili di questo pasticcio e a continuare i nostri sforzi per rafforzare la supervisione e la regolamentazione delle banche più grandi in modo da non trovarci di nuovo in questa posizione”.

La dichiarazione ha fatto seguito a una riunione di funzionari delle principali autorità di regolamentazione finanziaria e ha affermato che la Federal Reserve, la banca centrale del paese, stava dando anche ad altre banche l’accesso a un programma di prestiti di emergenza per fornire ulteriore stabilità al sistema bancario più ampio.

La FDIC, che assicura depositi fino a $ 250.000 e supervisiona le istituzioni finanziarie, ha dichiarato lunedì di aver trasferito tutti i depositi della Silicon Valley Bank a una cosiddetta “banca ponte”. La nuova banca è gestita da un consiglio nominato dall’agenzia fino a quando non sarà in grado di stabilizzare le operazioni.

La Banca d’Inghilterra ha anche annunciato lunedì la vendita della filiale britannica della Silicon Valley Bank a HSBC per stabilizzare la banca, “garantendo la continuità dei servizi bancari, riducendo al minimo le interruzioni nel settore tecnologico del Regno Unito e sostenendo la fiducia nel sistema finanziario”.

Una dichiarazione della Banca d’Inghilterra affermava che tutto il denaro dei depositanti era al sicuro e che la Silicon Valley Bank UK avrebbe continuato a operare normalmente.

Le azioni sono state provocate dal fallimento della Silicon Valley Bank, che i regolatori statunitensi hanno sequestrato venerdì dopo che le preoccupazioni per la salute finanziaria della banca hanno portato un gran numero di depositanti a ritirare i propri soldi contemporaneamente.

Con circa 200 miliardi di dollari di attività, il fallimento della Silicon Valley Bank è stato il secondo più grande nella storia degli Stati Uniti. La banca è stata fortemente coinvolta nel finanziamento di società di capitale di rischio, in particolare nel settore tecnologico.

Signature Bank aveva anche una gran parte dei clienti nel settore tecnologico, inclusa la criptovaluta. Il suo fallimento, con oltre 100 miliardi di dollari di asset, è stato il terzo più grande nella storia degli Stati Uniti, dietro Washington Mutual e Silicon Valley Bank.

Alcune informazioni per questa storia sono arrivate da The Associated Press, Agence France-Presse e Reuters.

Ultime Notizie

Back to top button