Sogni di vivere la dolce vita? I cittadini extra-UE hanno la possibilità di trasformarlo in realtà grazie al nuovo visto per nomadi digitali italiano, che consente loro di vivere nel paese per un ANNO

Quel sogno di vivere la dolce vita è ora molto più facile per i cittadini extra-UE trasformarsi in realtà, perché l’Italia ha lanciato un visto per nomadi digitali.

Di norma, i residenti di un paese extra UE sono limitati a un soggiorno di 90 giorni in Italia, o in qualsiasi altro paese dell’UE, in un periodo di 180 giorni. Il visto per nomadi digitali aggira questa regola e consente loro di rimanere fino a un anno.

E si sta già rivelando popolare. Secondo la piattaforma di apprendimento linguistico Promova, le ricerche su Google per “visto nomade digitale per l’Italia” sono aumentate del 660%.

In caso di esito positivo, i candidati potrebbero aprire i propri laptop e accendere il Wi-Fi in destinazioni da sogno, dalla Costiera Amalfitana alla splendida campagna toscana. Ma come per qualsiasi richiesta di visto, ci sono alcune condizioni che i candidati devono soddisfare.

I lavoratori a distanza devono guadagnare almeno 28.000 euro (£ 23.955/$ 29.833) all’anno, ovvero il triplo del livello minimo richiesto per l’esenzione dalle spese sanitarie italiane.

I lavoratori da remoto potrebbero aprire i loro laptop ogni mattina nella pittoresca campagna toscana, grazie al nuovo visto per nomadi digitali italiano

Dovranno inoltre dimostrare di disporre di un “alloggio adeguato” per la durata del soggiorno e di essere stati nomadi digitali o lavoratori a distanza da almeno sei mesi.

Il visto della durata di un anno può essere rinnovato annualmente se rimangono le stesse condizioni e requisiti che ne hanno consentito il rilascio.

Il visto è gestito ai sensi dell’articolo 27 del codice italiano sull’immigrazione, che è specificamente finalizzato ad attrarre “lavoratori altamente qualificati”.

Per fare domanda, dovrai prenotare un appuntamento presso un consolato italiano – prima di arrivare in Italia – e portare con te il passaporto, un certificato di lavoro, una prova di reddito, una prova di alloggio, un’assicurazione sanitaria e un certificato del casellario giudiziale (se hai uno).

Per usufruire del nuovo visto per nomadi digitali in Italia, i lavoratori a distanza devono guadagnare almeno ¿28.000 (£ 23.955/$ 29.833)

Per usufruire del nuovo visto per nomadi digitali italiano, i lavoratori a distanza devono guadagnare almeno € 28.000 (£ 23.955 / $ 29.833)

Se sei un lavoratore autonomo, dovrai richiedere la partita IVA italiana e chiedere consiglio sul modo migliore per pagare le tasse locali.

Una volta approvato il visto, avrai otto giorni dal tuo arrivo in Italia per richiedere un permesso di soggiorno, noto in italiano come permesso di soggiorno.

Non tutti però potranno richiedere il visto. Chiunque sia stato condannato per un reato negli ultimi cinque anni verrà automaticamente escluso dal processo.

Ultime Notizie

Back to top button