Cultura

“Sono ancora quel ragazzo del Bronx” –

A tornare in scena – ma solo per una sera – è l’atmosfera senza tempo di “A Bronx Tale”, il capolavoro teatrale scritto e interpretato da Chazz Palminteri nel 1988 e diventato un film cult diretto da Robert De Niro cinque anni dopo.

“Per la prima volta in più di 30 anni reciterò in uno spettacolo personale. Interpreterò la parte di tutti i diciotto personaggi della storia, proprio come ho fatto nel debutto della commedia”. Palminteri, attore, drammaturgo e sceneggiatore newyorkese, è felice e desideroso di prepararsi per il suo ritorno a teatro, previsto per il 1° ottobre al municipio di New York.

Lo abbiamo incontrato nel ristorante di sua proprietà che porta il suo nome, un luogo di ritrovo sulla Quarantaseiesima Strada per molti colleghi attori. A due passi dai teatri di Broadway, ma anche dall’Actor Studio che frequentava da ragazzo inseguendo il sogno di recitare.

Chazz Palminteri – Foto: Terry W. Sanders

Il volto magnetico di Palminteri continua ad affascinare, e ancor di più oggi, a 70 anni. “Non vedo l’ora di salire sul palco. Sono anche entusiasta del fatto che dopo lo spettacolo ci sarà una discussione aperta al pubblico. Parleremo della commedia, ovviamente, ma anche del film e del musical che ne è seguito”. Una riflessione, insomma, su un’opera teatrale che ha attraversato generazioni, mantenendo intatte le tensioni narrative nate dalla penna di Palminteri, grazie alla potente ispirazione biografica.

In “A Bronx Tale”, infatti, si condensano gli anni formativi del giovane Calogero Anello. Alter ego dell’autore con cui condivide anche un nome, è nato e cresciuto nel Bronx, figlio di un’umile ma onesta famiglia italoamericana, la cui esistenza sarà sconvolta da un omicidio di cui il giovane è un testimone casuale. Un personaggio intenso, combattuto tra due sistemi di valori contrastanti: quelli rappresentati dal padre Lorenzo e quelli incarnati da Sonny, affascinante boss mafioso locale.

“Ho scritto una storia che è venuta dal cuore. È una storia sincera, vera, che crea un legame immediato con il pubblico”, spiega Palminteri, descrivendo il capolavoro che è stato messo in scena per la prima volta a Los Angeles. “Una scommessa, ho scelto di essere l’unico attore. È andata bene.” Più di quanto avesse immaginato, tanto che gli Studios hanno immediatamente fiutato il potenziale per il grande schermo.

“Prima mi hanno offerto $ 250.000, poi $ 500.000. All’epoca ero senza un soldo, ma mi rifiutavo di rinunciare ai diritti. Volevo scrivere io stesso la sceneggiatura e volevo interpretare Sonny. Sono tornati con l’incredibile proposta di un milione. Ho comunque rifiutato”. La mossa più pazza e fortunata della sua vita. “Due settimane dopo, c’è stata una standing ovation alla fine dello spettacolo. Mentre uscivo dal palco, il direttore di scena mi ha detto che Robert De Niro era nel camerino ad aspettarmi. Ha detto di aver trovato lo spettacolo incredibile. Mi ha proposto di scrivere la sceneggiatura del film e si è assicurato la parte di Sonny, mentre lui avrebbe interpretato mio padre. Questa volta ho accettato”, ricorda. Il film, il debutto alla regia di De Niro, è uscito nel 1993 ed è stato un successo travolgente.

“Diciamo che sono sempre stato un uomo fortunato”, scherza Palminteri, che è diventato una star dopo il film. “Sapevo di poter interpretare quella parte meglio di chiunque altro. E sapevo anche che avrei dovuto scrivere la sceneggiatura perché conoscevo la profondità di quei personaggi”.

La storia di Calogero affascina ancora oggi. “Il film è stato un enorme successo in tutto il mondo. Anche in Giappone, per esempio. In Europa lo studiano nelle scuole di cinema. “Non devi essere italiano per appassionarti”, sottolinea. “È una storia che non ha limiti di età, ci sono ragazzi che non erano nemmeno nati quando ho scritto ‘A Bronx Tale’ che vengono e mi dicono che lo adorano. Non so perché succeda, penso di aver creato qualcosa che durerà per sempre e ne sono felice, onorato”, obietta Palminteri. “Ho scritto una sceneggiatura fantastica, ma ho avuto un grande regista come Robert De Niro. Un pessimo regista l’avrebbe rovinato”, ragiona.

Non ci sono stati scrupoli significativi nella comunità italoamericana del quartiere, che è stata messa a nudo nel film non filtrato. “Alcune persone si sono lamentate, ma non avevamo usato nomi veri, quindi non c’era motivo di preoccuparsi”. Neanche i genitori si sono lamentati. “Piuttosto, erano felici di vedere il mio successo e anche tutti quei soldi che sono arrivati”.

E sui soldi Palminteri ha le sue teorie: “Rende migliori le persone buone e peggio le persone cattive. Mi piace condividere le cose con la famiglia e gli amici. Certo, non sono un santo o una persona perfetta, ma cerco di vivere bene”, dice. La fama, ci dice, non lo ha cambiato. “Sono nato nel Bronx, sono la stessa persona che sono sempre stato. Il successo è stato solo una parte della mia vita; sicuramente meraviglioso, perché ho incontrato persone come Frank Sinatra, Robert De Niro, Jack Nicholson, Al Pacino e tanti altri grandi attori”.

Il ristorante di Chazz Palmieri. Foto: Terry W. Sanders

Ultime Notizie

Back to top button