Stati Uniti e Unione Europea puntano alla cooperazione militare tra Corea del Nord e Iran

Washington—

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea affermano di tenere gli occhi puntati su Pyongyang e Teheran per un’eventuale cooperazione militare tra i due, mentre l’Iran conferma la visita di una delegazione nordcoreana nel Paese.

Gli Stati Uniti “utilizzeranno tutti gli strumenti disponibili, comprese interdizioni e sanzioni, per affrontare tali attività”, ha detto venerdì un portavoce del Dipartimento di Stato in una e-mail al servizio coreano della ColorNews.

Un portavoce dell’UE lo stesso giorno ha detto a ColorNews Korea che sta anche “seguendo da vicino le relazioni Iran-RPDC e la loro potenziale cooperazione che potrebbe davvero essere preoccupante su alcune questioni se viola le sanzioni ONU esistenti”.

Il nome ufficiale della Corea del Nord è Repubblica popolare democratica di Corea.

Pyongyang ha annunciato attraverso la sua KCNA gestita dallo stato di aver inviato in Iran una delegazione guidata dal ministro per le Relazioni economiche esterne Yun Jong Ho il 23 aprile.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanaani ha detto lunedì che una delegazione nordcoreana ha visitato Teheran la scorsa settimana per discutere di commercio bilaterale, secondo Reuters.

Ma Kanaani ha respinto qualsiasi sospetta collaborazione sui loro programmi missilistici, affermando che si tratta di una “speculazione distorta” basata su rapporti “falsi”.

Gli Stati Uniti hanno accusato Pyongyang, Teheran e Pechino di sostenere la guerra della Russia contro l’Ucraina.

Anche Teheran è stata coinvolta nel conflitto con Israele.

Un membro del personale militare israeliano esamina una parte di un missile balistico iraniano, recentemente localizzato in un’area aperta vicino alla città meridionale di Arad, il 24 aprile 2024.

L’Iran ha attaccato Israele il 13 aprile con più di 300 missili e droni e ha affermato che l’assalto era una rappresaglia contro un attacco israeliano contro un edificio consolare iraniano a Damasco, in Siria. Israele ha risposto lanciando un contrattacco all’Iran il 18 aprile.

“È certamente possibile e perfino probabile” che Pyongyang e Teheran stiano cooperando militarmente nell’attuale conflitto in Medio Oriente, proprio come hanno fatto a partire dagli anni ’80, ha affermato Robert Peters, ricercatore per la deterrenza nucleare e la difesa missilistica presso la Allison della Heritage Foundation. Centro per la sicurezza nazionale.

L’Iran è motivato ad acquisire missili dalla Corea del Nord “visto l’attuale approccio dell’Iran di assediare [around] Israele usa i missili forniti ai suoi delegati: Hezbollah, Hamas e Houthi,” ha detto Peters.

Hezbollah, Hamas e gli Houthi sono gruppi militanti sostenuti dall’Iran che basano le loro operazioni rispettivamente in Libano, Striscia di Gaza e Yemen.

Le vendite di armi da Pyongyang a Teheran iniziarono negli anni ’80 durante la guerra dell’Iran con l’Iraq. Da allora la loro cooperazione sui programmi missilistici è continuata e si è ampliata.

Nel gennaio 2016, il Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato gli iraniani per essersi recati a Pyongyang e aver collaborato allo sviluppo del razzo da 80 tonnellate della Corea del Nord. Pochi mesi dopo, la Corea del Nord ha dichiarato di aver testato un nuovo motore a razzo con una spinta di 80 tonnellate e che sarebbe stato utilizzato in un nuovo veicolo di lancio spaziale.

La Corea del Nord ha accusato Israele di commettere “terrorismo” contro l’Iran dall’attacco del 7 ottobre contro Israele da parte del gruppo militante palestinese Hamas.

A dicembre, le forze di difesa israeliane hanno affermato che armi nordcoreane erano state rinvenute a Gaza.

Bruce Bechtol, ex ufficiale dell’intelligence presso la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti e ora professore alla Angelo University in Texas, ha affermato che i trasferimenti di armi tra Pyongyang e Teheran sono “inevitabili” indipendentemente da qualsiasi incontro tra i due la settimana scorsa.

“Alcune delle armi che la Corea del Nord ha inviato alla Russia sono andate prima in Iran e poi nel Mar Caspio, e la Russia ha usato quelle armi in Ucraina”, ha detto Bechtol, autore del libro “La proliferazione militare nordcoreana in il Medio Oriente e l’Africa”.

Ha detto alla ColorNews che i missili balistici a medio raggio Emad dell’Iran utilizzati nell’attacco contro Israele all’inizio del mese sono stati realizzati sulla base dello Shahab-3, che l’Iran ha utilizzato per la prima volta nel 2003. Questo, a sua volta, è stato sviluppato dal NoDong nordcoreano missili inviati a Teheran negli anni ’90.

Bechtol ha affermato che i missili iraniani Shahab-3 sono stati sviluppati in una struttura che la Corea del Nord ha costruito per Teheran all’inizio degli anni 2000. Ha detto che Teheran probabilmente sta cercando di acquisire i missili balistici intercontinentali Hwasong-15 di Pyongyang.

Joeun Lee ha contribuito a questo rapporto.

Ultime Notizie

Back to top button