Cultura

Tesorieri dello Stato repubblicano attaccano l’impresa libera per aver praticato la “politica sveglia”

Nel mondo Trump e post-Trump, la politica è stata sempre più iniettata in ogni aspetto della nostra vita e ora vediamo che la polarizzazione sta prendendo ancora un’altra svolta, questa volta nel mondo aziendale. Le grandi aziende, come Coca Cola e Google, per le quali le posizioni politiche devono essere evitate a tutti i costi pena la perdita di clienti, sono state sempre più spinte a prendere posizioni su questioni importanti. I risultati ora si vedono nella risposta di alcuni tesorieri statali che stanno vietando alle società “politicamente ostili” di fare affari nei loro stati.

A un certo punto Mitch McConnell ha avvertito le società di “rimanere fuori dalla politica” mentre si allineavano con la posizione politica liberale percepita dei loro dipendenti e clienti. Altri politici repubblicani, come cornice bionda, ha accusato queste corporazioni di tendenza liberale di impegnarsi in una “politica sveglia”. Quell’avvertimento sembrava essere un espediente per McConnell quando ha funzionato a favore dei repubblicani, oggi i repubblicani stanno cantando una melodia diversa e loro stessi sono profondamente coinvolti nella politica aziendale, cercando di spingere i loro programmi controllando le pratiche commerciali.

Il presidente Donald Trump, a sinistra, abbraccia il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell di Ky nel 2019. (Foto ANSA/AP/Susan Walsh) [Copyright Notice: Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.]

Di recente, adottando una misura punitiva, i funzionari repubblicani hanno privato la Disney di uno status fiscale speciale perché la società si è opposta a una nuova legge sull’istruzione che gli oppositori chiamano “Non dire gay”. Tuttavia, ora il tentativo di ostacolare ciò che i repubblicani considerano essere una “politica sveglia” ha preso una piega diversa.

La scorsa settimana, Riley Moore, il tesoriere del West Virginia, ha utilizzato una nuova legge statale per vietare a cinque società di Wall Street, tra cui Goldman Sachs e JPMorgan, di fare affari con lo Stato perché, ha affermato, le società stavano attuando pratiche ostili al industria del carbone. Divieti simili sono probabilmente in arrivo altrove. I legislatori di una manciata di altri stati, tra cui Kentucky e Oklahoma, hanno già approvato leggi simili a quelle del West Virginia.

I tesorieri di tre stati hanno anche ritirato un totale di 700 milioni di dollari dai fondi di investimento gestiti da BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, per le obiezioni alla sua posizione sulle questioni ambientali.

Penalizzare le aziende per il loro sostegno a pratiche commerciali che il Partito Repubblicano ritiene inaccettabili fa parte di una strategia più ampia dei tesorieri repubblicani per promuovere i combustibili fossili e prevenire l’azione per il clima sia a livello federale che statale. I tesorieri stanno lavorando con una rete di gruppi conservatori che hanno legami con l’industria dei combustibili fossili, come la Heritage Foundation e l’Heartland Institute.

I legislatori statali negano qualsiasi accusa di fare politica, la loro posizione è semplicemente che stanno promuovendo gli interessi dei loro cittadini proteggendo i loro posti di lavoro e facendo affari solo con quelle società che perseguono tale obiettivo. Se una banca non vuole fare affari con l’industria del carbone, per esempio, e l’industria del carbone è un importante datore di lavoro nel loro stato, il Tesoriere di Stato li escluderà semplicemente vietandoli. Questo è il caso del West Virginia.

D’altra parte, le banche sostengono che se lo considerano un cattivo investimento, sono perfettamente libere di tenersi alla larga da quell’impresa. Se, ad esempio, pensano che investire in gas e petrolio sia un investimento migliore del carbone, dovrebbero essere liberi di farlo, indipendentemente dalla posizione politica che l’ottica potrebbe suggerire, e sicuramente liberi dalle ingerenze politiche dei legislatori. Inoltre, le banche sostengono che i loro investimenti dovrebbero riflettere la realtà attuale e date le chiare tendenze del cambiamento climatico, a loro avviso, tutti dovranno adeguare le proprie politiche e decisioni per adattarle alla situazione. Il carbone sta finendo e quindi è un cattivo investimento.

Tuttavia, i legislatori che decidono di prendere di mira le società e punirle per le loro scelte esacerbano ulteriormente l’estrema polarizzazione e partigianeria che sta agitando questo paese. Ora sta portando anche a quelle che il collaboratore del New York Times David Gelles ha chiamato società a marchio rosso e marchio blu. L’idea che la nostra iperpartigianalità nazionale stia mettendo i suoi tentacoli in ogni aspetto della vita quotidiana, dalla religione ai diritti civili e ora al mondo aziendale, dovrebbe essere preoccupante.

Alcuni legislatori, come Noah Friend, un avvocato repubblicano che in precedenza ha lavorato per il tesoriere del Kentucky, hanno detto: “Non mi piace l’idea che se sei un repubblicano, devi fare banca con questa società, e se sei un Democratico, devi fare banca con quella compagnia”.

La tendenza alla polarizzazione e alla politicizzazione è già un flagello che alimenta la divisione in questo paese, e Gelles ipotizza fino a che punto si saranno diffuse le sue incursioni entro il 2041:

“Anche i vestiti sono diventati completamente politicizzati nel 2041. Mentre gli americani cercavano modi sempre più ovvi per ostentare le loro alleanze tribali, due marchi che in precedenza erano rivenditori di fascia media – Levi’s e Wrangler – sono diventati colossi aziendali. Alle manifestazioni democratiche in tutto il paese, il logo rosso di Levi’s è onnipresente quanto lo erano i cappelli rossi di Make America Great Again durante la campagna presidenziale del 2016. Nelle roccaforti repubblicane, i jeans Wrangler sono comuni quanto le scarpe Nike.

Forse sono più cinico, perché mentre Gelles immagina questo come uno scenario futuro, mi guardo intorno e vedo che questo tipo di manifestazione fisica delle nostre posizioni politiche è già qui negli aspetti più banali della nostra vita. La differenza è che con quest’ultima iniziativa i legislatori repubblicani stanno usando i cordoni della borsa per bandire e punire quella che ha sempre definito l’America: la “libera impresa”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button