Esteri

The Black Sea Grain Initiative: cos’è e perché è importante per il mondo

1) Un accordo per far ripartire i rifornimenti vitali

L’Ucraina, uno dei maggiori esportatori di grano al mondo, fornisce normalmente circa 45 milioni di tonnellate di grano al mercato globale ogni anno ma, in seguito all’invasione russa del paese, alla fine di febbraio 2022, montagne di grano si sono accumulate nei silos, con le navi incapaci di garantire un passaggio sicuro da e verso i porti ucraini e rotte terrestri incapaci di compensare.

Ciò ha contribuito a far salire il prezzo degli alimenti di base in tutto il mondo. In combinazione con l’aumento del costo dell’energia, i paesi in via di sviluppo sono stati spinti sull’orlo del default del debito e un numero crescente di persone si è trovato sull’orlo della carestia.

Il 22 luglio, le Nazioni Unite, la Federazione Russa, Türkiye e l’Ucraina hanno concordato l’Iniziativa sui cereali del Mar Nero, durante una cerimonia della firma nella capitale turca, Istanbul.

L’accordo ha consentito la ripresa delle esportazioni dall’Ucraina di grano, altri prodotti alimentari e fertilizzanti, compresa l’ammoniaca, attraverso un corridoio umanitario marittimo sicuro da tre porti ucraini chiave: Chornomorsk, Odesa e Yuzhny/Pivdennyi, verso il resto del mondo.

Per attuare l’accordo, è stato istituito a Istanbul un Centro di coordinamento congiunto (JCC), composto da alti rappresentanti della Federazione Russa, di Türkiye, dell’Ucraina e delle Nazioni Unite.

Secondo le procedure emesse dal JCC, le navi che desiderano partecipare all’Iniziativa saranno sottoposte a un’ispezione al largo di Istanbul per assicurarsi che siano prive di carico, quindi navigheranno attraverso il corridoio umanitario marittimo verso i porti ucraini per il carico. Il corridoio è stabilito dal JCC e monitorato 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per garantire il passaggio sicuro delle navi. Le navi nel viaggio di ritorno saranno ispezionate anche nell’area di ispezione al largo di Istanbul.

UN News

Centro di coordinamento congiunto dell’iniziativa sui cereali del Mar Nero

2) Milioni di tonnellate stanno lasciando l’Ucraina

Le spedizioni monitorate dall’Iniziativa hanno iniziato a partire dal 1° agosto. Entro la fine del mese, oltre 100 navi, cariche di oltre un milione di tonnellate di grano e altri generi alimentari, avevano lasciato l’Ucraina. A metà settembre il JCC ha riferito che circa tre milioni di tonnellate avevano lasciato l’Ucraina, segnalando progressi positivi. Si spera che, alla fine, verranno esportate fino a cinque milioni di tonnellate al mese.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, il 51% del carico finora (a metà settembre) era costituito da mais, 25% grano, 11% prodotti di girasole, 6% semi di colza, 5% orzo, 1% semi di soia , e l’uno per cento di altri prodotti alimentari.

Banca Mondiale/Ray Witlin

La donna in India sposta il grano (fascicolo)

3) Circa un terzo delle spedizioni va direttamente nei paesi a reddito più basso

Un 25 per cento del carico è andato a paesi a reddito medio-basso. Egitto (8%), India e Iran (4% ciascuno), Bangladesh, Kenya e Sudan (2% ciascuno), Libano, Yemen, Somalia, Gibuti (1% ciascuno) e Tunisia (meno di uno per cent)

Ciò include le navi noleggiate dalle Nazioni Unite che forniscono assistenza alimentare umanitaria – il grano acquistato dal Programma alimentare mondiale (WFP) – al Corno d’Africa e allo Yemen. Due navi noleggiate dall’ONU hanno già lasciato l’Ucraina, mentre altre due sono attese a breve. Finora il WFP aveva acquistato 120.000 tonnellate di grano per sostenere gli aiuti umanitari nel Corno d’Africa, Yemen e Afghanistan.

La prima nave noleggiata dal WFP ha attraccato a Gibuti il ​​30 agosto per sostenere la risposta alla siccità nel Corno d’Africa. Una seconda nave noleggiata dalle Nazioni Unite, carica di 37.500 tonnellate di grano, è salpata il 30 agosto e ha attraccato a Türkiye il 3 settembre, dove il grano sarà macinato per infarinarlo.

Questa farina sarà poi caricata su un’altra nave che si dirigerà nello Yemen per sostenere la risposta umanitaria del Programma alimentare mondiale. La terza e la quarta nave noleggiata dal WFP forniranno anche grano alle operazioni di soccorso.

Circa il 25 per cento del grano è andato a paesi a reddito medio-alto, tra cui Türkiye, Cina e Bulgaria; e il 50% verso paesi ad alto reddito come Spagna, Paesi Bassi, Italia, Repubblica di Corea, Romania, Germania, Francia, Grecia, Irlanda e Israele.

L’Onu sottolinea che tutto il grano che esce dai porti ucraini grazie all’Iniziativa va a beneficio delle persone bisognose, in quanto aiuta a calmare i mercati e a limitare l’inflazione dei prezzi dei generi alimentari.

Tutti i movimenti delle navi possono essere trovati sul sito web della Black Sea Grain Initiative, che contiene anche fatti e cifre utili.

Foto delle Nazioni Unite/Mark Garden

Il segretario generale António Guterres osserva il caricamento del grano sulla nave Kubrosliy a Odesa, in Ucraina.

4) I prezzi del cibo stanno scendendo

Vi sono forti segnali che l’Iniziativa stia riuscendo in uno dei suoi obiettivi chiave, l’abbassamento dei prezzi dei generi alimentari.

In una conferenza stampa a metà settembre, Rebeca Grynspan, il segretario generale dell’agenzia per il commercio delle Nazioni Unite, nota come UNCTAD, e Amir Abdulla, il coordinatore delle Nazioni Unite per l’iniziativa sui cereali del Mar Nero, hanno accolto con favore il fatto che i prezzi sono scesi in cinque mesi in un riga: l’indice dei prezzi alimentari è diminuito di quasi il 14% dal picco di marzo di quest’anno.

Il Sig. Abdulla ha spiegato che il calo dei prezzi significava che coloro che avevano accumulato grano, nella speranza di vendere con un profitto maggiore, ora stavano vendendo, il che significava che ora c’è più approvvigionamento alimentare nei mercati, portando a ulteriori cali dei prezzi. La signora Grynspan, che è anche coordinatrice del Global Task Team delle Nazioni Unite istituito per aiutare i paesi a far fronte ai tripli shock economici aggravati dagli effetti della guerra in Ucraina, ha sottolineato che ciò sta facendo un’enorme differenza nel costo globale di crisi vivente.

A livello globale, un record di 345 milioni di persone in più di 80 paesi si trova attualmente ad affrontare una grave insicurezza alimentare, mentre fino a 50 milioni di persone in 45 paesi rischiano di essere spinte verso la carestia senza supporto umanitario.

Ad agosto, il Direttore Esecutivo del WFP David Beasley ha dichiarato che l’apertura dei porti del Mar Nero è “l’unica cosa più importante che possiamo fare in questo momento per aiutare gli affamati nel mondo”. Ha avvertito che, sebbene ciò non fermerebbe da solo la fame nel mondo, riportare il grano ucraino sui mercati globali migliorerebbe le possibilità di prevenire un’ulteriore spirale della crisi alimentare globale

UNIC Ankara/Levent Kulu

Il Segretario Generale António Guterres (a sinistra) e il Presidente Recep Tayyip Erdoğan alla cerimonia della firma dell’Iniziativa sui cereali del Mar Nero a Istanbul, Turchia.

5) Una collaborazione continua è necessaria per un successo continuo

L’ONU è profondamente consapevole del fatto che mantenere le spedizioni in partenza senza intoppi dai porti ucraini richiederà la continua collaborazione di Ucraina e Russia. Il Sig. Abdulla ha elogiato lo “spirito di collaborazione” tra le parti dell’Iniziativa. Ha anche notato il ruolo speciale che Türkiye e le Nazioni Unite stanno svolgendo nel mantenere il processo in movimento.

Tuttavia, senza una chiara fine in vista della guerra, il futuro è incerto.

L’attuale iniziativa può estendersi oltre i suoi 120 giorni iniziali dopo la data di firma del 22 luglio, se le parti lo desiderano. I pensieri del team JCC di Istanbul sono già rivolti all’estensione dell’accordo. Il Sig. Abdulla resta positivo, esprimendo la speranza che “con gli sforzi di mediazione dell’Onu, non sia davvero oggetto di discussione”.

Ultime Notizie

Back to top button