Cultura

“The Phantom of the Opera,” Icona del Teatro di Broadway, Chiusura a Febbraio

“The Phantom of the Opera”, lo spettacolo più longevo nella storia di Broadway e, per molti, un simbolo del teatro musicale, chiuderà a febbraio, diventando l’ultimo spettacolo a cadere vittima del calo del pubblico dopo la pandemia.

Lo spettacolo, su un amante dell’opera in maschera che perseguita il Teatro dell’Opera di Parigi e diventa ossessionato da un giovane soprano, è famoso per il lampadario che si schianta sul palco ogni notte ed è caratterizzato da spettacolo e melodramma esagerati.

Il fantasma dell’operaanche se la maggior parte delle persone potrebbe non saperlo o non curarsene, ha radici letterarie, il romanzo francese originale di Gaston Leroux fu pubblicato nel 1910, ma era stato a lungo profondamente influenzato dal romanzo di Victor Hugo Notre Signora di Parigi (1831), noto nella maggior parte delle versioni come Il gobbo di La nostra signora.

La chiusura è tanto attesa (nessuno spettacolo va avanti per sempre e le riprese al botteghino si stanno attenuando) quanto sorprendente, perché dopo più di tre decenni praticamente come un simbolo del teatro, “Phantom” è diventato una parte permanente del Paesaggio di Broadway, un pezzo d’epoca e una calamita turistica che ha resistito agli alti e bassi del mercato del teatro commerciale.

Ma nell’anno in cui Broadway è tornata dal suo dannoso blocco pandemico, il pubblico in sala non si è completamente ripreso e “Phantom”, che è tornato alla grande lo scorso autunno, non ha venduto abbastanza bene per coprire i suoi alti costi di gestione settimanali.

Lo spettacolo celebrerà il suo 35° anniversario a gennaio, e poi suonerà la sua ultima esibizione a Broadway il 18 febbraio, secondo un portavoce. Il cast, la troupe e l’orchestra sono stati informati della decisione venerdì.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button