Todde del centrosinistra sembra essere il nuovo governatore della Sardegna – Politica

La candidata del centrosinistra Alessandra Todde sembra destinata a battere per un soffio il candidato del centrodestra Paolo Truzzu e diventare il nuovo governatore della Sardegna.


Todde ha mantenuto lo 0,4% in vantaggio dopo che sono stati segnalati quasi 1.600 dei circa 1.800 seggi elettorali e con il risultato finale atteso nelle prime ore del mattino.


Todde, che diventerà così la prima donna governatrice dell’isola mediterranea, ha recuperato dopo essere rimasta indietro nei primi conteggi, e lunedì sera è salita del 45,4% al 45%.


Todde, 55 anni, è ex vice capo del movimento populista di sinistra 5 Stelle (M5S) ed ex vice ministro dell’Industria sotto Mario Draghi.


Truzzu, 51 anni, è membro del partito di destra Fratelli d’Italia (FdI) del premier Giorgia Meloni e sindaco di Cagliari.


Todde, ingegnere di origine nuorese con due lauree, ha vissuto gran parte della sua vita fuori dalla sua isola natale, lavorando in otto paesi diversi tra cui Stati Uniti, Spagna, Regno Unito, Francia e Paesi Bassi.


Truzzi, cagliaritano laureato in scienze politiche con due figlie, è sindaco del capoluogo sardo dal 2019.


La sua candidatura è stata imposta dalla Meloni sulla scelta della Lega, l’attuale Christian Solinas del Partito Sardo d’Azione.


Il vantaggio di Todde è cresciuto con l’arrivo dei voti dalle grandi città come il capoluogo Cagliari e Sassari dove vantava un buon vantaggio, mentre Truzzu ha vinto nelle città più piccole come Oristano e Olbia.


Nei sondaggi pre-elettorali Truzzu aveva cinque punti di vantaggio su Todde.


Tuttavia, nei risultati finali, l’alleanza di centrodestra dovrebbe ottenere circa il 49% dei voti mentre il “campo ampio” si dirigerebbe verso il 43% circa.


Ma il Pd sembrava destinato a diventare il primo partito, a circa un punto da FdI, con il M5S al terzo posto.


Il magnate della tecnologia ed ex governatore del Partito Democratico (PD) Renato Soru era terzo con l’8,5% e l’ultima candidata di sinistra e regionalista, Lucia Chessa, si dirigeva verso l’1%.


L’elezione è stata vista come una prova per verificare se l’alleanza ad ampio campo tra PD e M5S potesse competere a livello nazionale con l’alleanza dominante di destra composta da FdI, Lega e il partito di centrodestra post Berlusconi Forza Italia (FI). .


La leader del PD Elly Schlein e il leader del M5S ed ex premier Giuseppe Conte sono volati a Cagliari da Roma per lo spoglio delle schede.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button