Cultura

Tra lo spettacolo del funerale della regina Elisabetta, più polemiche

Il funerale della regina Elisabetta è stato uno spettacolo perché solo gli inglesi sanno come mettere in scena. Ogni passo è stato coreografato seguendo le tradizioni quasi millenarie. Erano presenti duemila persone, con 500 capi di stato venuti a porgere i loro omaggi. La regina è stata elogiata per il suo senso del dovere senza precedenti e per i sacrifici che ha fatto come donna, moglie e madre per tutta la vita. La fermezza con cui ha mantenuto la promessa fatta a 21 anni.

La bara della regina entra nella Cappella di Re Giorgio, nel Castello di Windsor. Foto: VNY Media

La sua famiglia sembrava sinceramente commossa e sconvolta, alcuni hanno detto che avevano “la faccia cinerea”. Re Carlo ei suoi tre fratelli minori, Anne, Andrew ed Edward, seguirono la carrozza trainata da 142 marinai della Royal Navy che portava la bara della regina alla Cappella di San Giorgio nel Castello di Windsor. Il piccolo Giorgio, figlio del principe di Galles appena elevato, William, era alto e dritto come i suoi predecessori, senza dubbio già addestrato a seguire le orme di Carlo e poi di William quando un giorno sarà re.

Dietro il carro delle armi che portava la bara, venivano i figli di Carlo, i principi William e Harry, i loro volti seri che mostravano l’impatto emotivo del momento mentre marciavano al suono delle cornamuse e al rintocco di una campana. Charles, Anne, Edward e William, tutti vestiti con l’uniforme militare cerimoniale, salutarono mentre la bara veniva sollevata dal carro delle armi davanti all’abbazia.

Andrew e Harry, che non sono più reali in servizio, indossavano abiti da mattina e non hanno salutato, anche se entrambi avevano prestato servizio in conflitto in passato, nelle Falkland e in Afghanistan.

Il principe Giorgio e la principessa Charlotte. Foto: YouTube

Appena dentro c’erano le donne della famiglia: Camilla, la moglie di Charles, la regina consorte, così come la moglie di William Kate ei loro figli George, 9 e Charlotte, 7, e la moglie di Harry, Meghan.

I reali hanno seguito la bara lungo il corridoio, con riprese televisive ravvicinate che mostravano il dolore sui loro volti. Dopo che la bara è stata lentamente calata nella cripta reale alla fine del servizio di Windsor, Charles era visibilmente emozionato, trattenendo le lacrime mentre la congregazione cantava l’inno nazionale nella sua forma aggiornata, “God Save the King”.

Ma anche un’occasione così solenne e ben preparata ha generato polemiche e speculazioni. Perché Harry non ha cantato l’inno nazionale? Perché è rimasto in silenzio mentre la nazione ha segnato il cambiamento e la continuità che sono stati il ​​segno distintivo della storia britannica?

Si dice che Twitter sia esploso dopo che alcuni spettatori hanno affermato che il principe Harry sembrava non unirsi al canto dell’inno nazionale durante il cupo servizio di un’ora. Solo due persone sembravano non cantare, una era re Carlo che ovviamente non può farlo – essendo lui il re – e l’altra era Harry.

Le reazioni sono state immediate: “Ho notato che… Non potrebbe essere più irrispettoso se ci provasse”, disse una persona furiosa.

“Ho notato, come avranno fatto molti altri. Provo un totale disprezzo per lui”, ha scritto un altro.

“Tanto per sostenere il re!” esclamò un terzo.

Forse scopriremo che c’era qualche buona ragione per questo, o forse la voce che questo segnala una rottura permanente tra Harry e la famiglia reale si rivelerà vera. Il fatto triste è che anche in un’occasione così solenne Harry sembra generare distrazione e caos.

Ultime Notizie

Back to top button