Cronaca

Tre membri della famiglia britannica muoiono in un incidente stradale italiano dopo che la Fiat Panda ha colpito un’altra auto

Tre membri della stessa famiglia britannica muoiono in un incidente stradale italiano: coppia e il figlio, 15 anni, vengono uccisi quando la loro Fiat Panda investe un’altra auto “in viaggio per visitare i parenti”

  • Antonino Marsala, 40, wife Raffaella, 32, and son Lorenzo, 15, died in crash
  • Il trio di Bedford stava visitando la famiglia in Italia quando si è schiantato in Piemonte
  • La loro Fiat Panda si è schiantata contro una Toyota Yaris in arrivo, ferendone altre quattro

Tre membri della stessa famiglia britannica sono morti in un incidente stradale dell’orrore mentre erano in vacanza in Italia.

Antonino Marsala, 40 anni, sua moglie Raffaella Marsala, 32 anni, e il figlio Lorenzo, 15 anni, stavano viaggiando nella stessa macchina quando si sono schiantati contro un veicolo in arrivo in Piemonte.

La famiglia che abitava a Bedford era originaria di Calamonaci in Sicilia, ed era in visita ai parenti per la tradizionale festa per celebrare il loro santo patrono Vincenzo Ferre.

Antonino Marsala, 40 anni, sua moglie Raffaella Marsala, 32 anni, e il figlio Lorenzo, 15 anni, (nella foto insieme) sono morti in un incidente stradale in Italia

Antonino Marsala, 40 anni, sua moglie Raffaella Marsala, 32 anni, e il figlio Lorenzo, 15 anni, (nella foto insieme) sono morti in un incidente stradale in Italia

L'incidente è avvenuto sulla bretella Ivrea-Santhià che collega l'autostrada A4 Torino-Milano con la A5 Torino-Aosta

L’incidente è avvenuto sulla bretella Ivrea-Santhià che collega l’autostrada A4 Torino-Milano con la A5 Torino-Aosta

Nell'incidente sono rimaste coinvolte due auto, una Toyota Yaris e una Fiat Panda, che sono finite sul ciglio della strada (vista d'insieme del luogo dell'incidente)

Nell’incidente sono rimaste coinvolte due auto, una Toyota Yaris e una Fiat Panda, che sono finite sul ciglio della strada (vista d’insieme del luogo dell’incidente)

L’incidente è avvenuto sulla bretella Ivrea-Santhià che collega l’autostrada A4 Torino-Milano con la A5 Torino-Aosta, al confine tra le province di Biella e Torino.

Nell’incidente sono rimaste coinvolte due auto, una Toyota Yaris e una Fiat Panda, che sono finite sul ciglio della strada.

La famiglia Marsala, che viaggiava con la Fiat Panda in direzione Santhià, è morta nell’impatto, riferiscono locali.

Quattro persone a bordo della Toyota Yaris sono rimaste gravemente ferite e trasportate in elicottero in un ospedale di Novara.

In Italia sono in corso le indagini sulla causa ufficiale dell’incidente.

Antonino ha lavorato a Bedford come tester MOT e Raffaella ha lavorato al Toby Carvery.

Antonino ha lavorato a Bedford come tester MOT e Raffaella ha lavorato al Toby Carvery

Antonino ha lavorato a Bedford come tester MOT e Raffaella ha lavorato al Toby Carvery

Fonti estere affermano che il sindaco di Calamonaci, Pino Spinelli, ha pubblicato sui social un messaggio di cordoglio.

Dichiarò che i tre «tornavano dall’Inghilterra in Sicilia, per un periodo di vacanza, per ritrovare i parenti e in occasione della prossima festa di San Vincenzo Ferreri».

Ha detto: ‘La famiglia Marsala abitava da tempo in Inghilterra, ma a Calamonaci aveva ancora molti parenti, famiglia e amici.

‘Da quanto ho appreso avevano deciso di tornare a Calamonaci, in questi giorni, proprio per assistere alla tradizionale festa dedicata al nostro patrono, San Vincenzo Ferreri, che ci apprestiamo a vivere dopo tre anni di pandemia e restrizioni che non hanno permesso noi.’

Ha aggiunto: ‘Esprimo le mie più sentite condoglianze a questa famiglia distrutta dal dolore in questo momento di terribile angoscia.

«Nel mio nome e nel nome dell’amministrazione comunale di Calamonaci che presiedo, siamo uniti a loro con la preghiera e con la solidarietà della vicinanza umana e fraterna.

‘Sventure come questa sono sorprendenti e non dovrebbero mai accadere. Che il Signore li accolga tra le sue braccia».

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button