“Triste pietra miliare” mentre la guerra in Ucraina raggiunge i 500 giorni

La guerra è iniziata il 24 febbraio 2022 e la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina (HRMMU) ha confermato che da allora sono stati uccisi più di 9.000 civili, tra cui oltre 500 bambini, anche se il numero reale potrebbe essere molto più alto.

“Oggi segniamo un’altra triste pietra miliare nella guerra che continua a esigere un terribile tributo sui civili ucraini”, ha dichiarato Noel Calhoun, vice capo della Missione.

Recenti attacchi mortali

L’HRMMU ha riferito che le vittime mensili complessive sono diminuite all’inizio di quest’anno rispetto al 2022, ma il numero medio è aumentato di nuovo a maggio e giugno, con le ultime due settimane tra le più letali dall’inizio dei combattimenti.

I recenti attacchi includono l’attacco missilistico su un’affollata area commerciale nella città orientale di Kramatorsk la sera del 27 giugno, che ha ucciso 13 persone.

Tra le vittime c’era la pluripremiata scrittrice e difensore dei diritti umani Viktoriia Amelina, che è morta a causa delle ferite riportate all’inizio di questa settimana.

Pochi giorni dopo l’attacco, 10 civili sono stati uccisi in un altro attacco missilistico a Lviv, nell’Ucraina occidentale.

Migliaia di vittime

Le informazioni sulle morti civili sono contenute nell’ultimo rapporto sulle vittime civili in Ucraina, pubblicato dall’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, OHCHR, che copre il periodo dall’inizio della guerra fino al 30 giugno 2023.

Complessivamente, sono state registrate 25.170 vittime civili, con 9.177 morti e 15.993 feriti.

Di questo numero, e di cui si conosceva il sesso, il 61% erano uomini e il 39% erano donne. I ragazzi costituivano oltre il 57% delle vittime tra i bambini di cui si conosceva il sesso e le ragazze il 42,8%.

L’OHCHR ha inoltre ricevuto informazioni riguardanti 22 vittime civili nella Crimea occupata dai russi e nella città di Sebastopoli. Tra loro cinque uomini e una donna sono stati uccisi e 16 persone sono rimaste ferite: due bambini e 14 adulti, il cui sesso è ancora sconosciuto.

Aggiornamento della centrale nucleare

Nel frattempo, gli esperti dispiegati dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA) presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya (ZNPP) nel sud dell’Ucraina non hanno osservato alcuna indicazione visibile di mine o esplosivi lì, ha detto mercoledì il direttore generale Rafael Mariano Grossi.

La più grande centrale nucleare d’Europa è stata nelle mani dei russi sin dai primi giorni della guerra, ed entrambe le parti si sono accusate a vicenda di aver bombardato l’impianto.

L’AIEA aveva precedentemente indicato di essere a conoscenza di notizie secondo cui mine e altri esplosivi sarebbero stati collocati all’interno e intorno all’impianto, che si trova in prima linea nel conflitto.

“A seguito delle nostre richieste, i nostri esperti hanno ottenuto un ulteriore accesso al sito. Finora non hanno visto mine o esplosivi, ma hanno ancora bisogno di più accesso, anche ai tetti delle unità 3 e 4 del reattore e a parti delle sale turbine”, ha affermato Grossi, esprimendo la speranza che l’accesso venga concesso presto .

Gli esperti hanno ispezionato parti dell’impianto negli ultimi giorni e settimane e hanno continuato a condurre visite regolari in tutto il sito.

Mercoledì sono stati “anche in grado di controllare una sezione più ampia del perimetro del grande bacino di raffreddamento dello ZNPP rispetto a prima”, ha affermato l’AIEA.

Ultime Notizie

Back to top button