Cultura

Trovati morti due artigiani italiani a Long Island City –

Due artigiani di Rovigo sono stati trovati morti mercoledì in un appartamento a Long Island City, nel Queens. Sono stati identificati come 48 anni Alessio Picelliarredatore d’interni originario di Villadose ma residente con la moglie a Rovigo, e 39 anni Luca Nogarisartigiano e padre di tre figli.

I corpi dei due uomini sono stati trovati da un terzo collega, che condivideva con loro un appartamento 40-13 29a stradadove i tre avrebbero vissuto per circa un mese.

L’appartamento condiviso dai tre uomini a Long Island City, nel Queens

Secondo le prime informazioni fornite dai familiari delle vittime (ottenute grazie alla collaborazione dei colleghi di La Voce di Rovigo), il terzo collega avrebbe trovato Picelli già senza vita e Nogaris che respirava ancora. Ha cercato di salvare Nogaris ma tutti gli sforzi sono stati vani, chiamando così i soccorsi intorno alle 2:30 (8:30 in Italia). All’arrivo dei paramedici e della polizia, gli agenti non hanno potuto fare altro che dichiarare la morte di entrambi gli uomini.

Un primo esame degli investigatori non ha riscontrato traumi fisici di alcun tipo o altri segni di violenza, poiché le autorità locali hanno ordinato l’autopsia per indagare sulle circostanze esatte della morte. Gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi, compresa un’overdose di droga, accennata dal ritrovamento di accessori legati alla droga. Negli ultimi mesi sono stati lanciati gli allarmi nei cinque distretti per la circolazione di farmaci apparentemente “innocui”, che, se tagliati con il fentanil, sono in grado di provocare effetti letali.

Picelli, Nogaris e l’altro coinquilino si recavano spesso a New York City come appaltatori specializzati in lavori manuali di alta qualità. A quanto pare martedì sera Picelli e Nogaris sono tornati subito a casa dopo aver terminato il loro turno, mentre un terzo coinquilino è rientrato poche ore dopo solo per trovarsi di fronte alla tragedia.

Ultime Notizie

Back to top button