Trump arrabbiato per la bassa valutazione di Mar-a-Lago. Ma quanto vale?

Donald Trump si è scagliato sui social media contro un giudice che accusa di sottovalutare significativamente la sua tenuta di Mar-a-Lago, sostenendo che la stima è sbagliata da “50 a 100” volte.

Le accuse dell’ex presidente derivano da una sentenza di febbraio secondo cui aveva gonfiato il suo patrimonio netto per ingannare banche e assicuratori. I candidati alla Casa Bianca hanno costantemente negato queste accuse, etichettando il caso come una “caccia alle streghe” politicamente motivata.

Trump ha dovuto versare una cauzione da 175 milioni di dollari in un caso di frode civile a New York il 1 aprile 2024 per impedire al procuratore generale di New York Letitia James di sequestrare le sue proprietà, tra cui la Trump Tower di Manhattan e Mar-a-Lago in Florida. Inizialmente, la cauzione era stata fissata a 454 milioni di dollari, ma il team legale di Trump ha sostenuto con successo una riduzione, etichettando l’importo originale come “praticamente impossibile”. Il giudice della Corte Suprema di Manhattan Arthur Engoron ha acconsentito, a condizione che Trump pagasse la cauzione più piccola entro dieci giorni.

“Ho appena emesso un’obbligazione da 175 milioni di dollari con lo Stato di New York, tristemente in fallimento e molto travagliato, sulla base di un giudice e procuratore generale corrotti”, ha lamentato Trump nel suo post di giovedì su Truth Social. Il 77enne candidato presidenziale è stato particolarmente infastidito dalla valutazione fiscale di Mar-a-Lago che ritiene estremamente bassa, vale a dire tra i 18 ei 27 milioni di dollari. Trump, al contrario, insiste che il suo patrimonio potrebbe valere più di 1 miliardo di dollari.

Mar-a-Lago, un palazzo di 126 stanze che si estende su 62.500 piedi quadrati, funge da residenza principale di Trump e da un club privato. Costruita nel 1927 dall’ereditiera dei cereali Marjorie Merriweather Post, la proprietà si estende su 17 acri dall’Oceano Atlantico all’Intracoastal Waterway. La valutazione di Trump di Mar-a-Lago, che il guru repubblicano ha paragonato a opere d’arte uniche come la Gioconda, è contestata da esperti immobiliari che stimano il suo valore tra i 300 e i 600 milioni di dollari. La valutazione fiscale più bassa della proprietà – 37 milioni di dollari – si basa sul suo status di club piuttosto che di casa privata.

Nella sua causa, il procuratore generale Letitia James ha infatti sostenuto che Trump ha sopravvalutato Mar-a-Lago nei rendiconti finanziari forniti alle banche. Ha affermato che l’elevata valutazione di Trump ha ignorato le restrizioni sugli atti che limitano la proprietà da utilizzare come club sociale, non come residenza privata, mentre sostiene che Trump avrebbe dovuto valutare Mar-a-Lago in modo simile all’accertamento fiscale della contea. Gli avvocati di Trump hanno ribattuto che non è stato coinvolto alcun inganno e che le banche probabilmente non hanno fatto molto affidamento sui rendiconti finanziari di Trump quando concedono prestiti.

La battaglia legale sulla valutazione di Mar-a-Lago fa parte di una più ampia accusa di frode contro Trump, che continua a contestare le accuse pur mantenendo le sue aspirazioni politiche di alto profilo.

Ultime Notizie

Back to top button