Esteri

Ucraina: bombardamenti nella vicina città a rischio della centrale nucleare di Zaporizhzhya

Il bombardamento ha distrutto l’infrastruttura elettrica che alimenta la città, dove vive il personale che gestisce l’impianto, provocando un blackout completo che minaccia anche l’impianto nucleare.

Rafael Mariano Grossi, direttore generale dell’AIEA, ha affermato che, dati i continui e continui bombardamenti, ci sono poche probabilità di ristabilire un’alimentazione affidabile fuori sede per l’impianto.

‘Una situazione insostenibile’

Di conseguenza, l’Ucraina sta valutando la chiusura dell’unico reattore operativo rimasto nell’impianto. L’intero impianto sarebbe quindi completamente dipendente da generatori diesel di emergenza per garantire funzioni vitali di sicurezza e protezione nucleare.

“Questa è una situazione insostenibile e lo è diventando sempre più precario”, ha affermato il Sig. Grossi.

“Enerhodar è diventato buio. La centrale non ha alimentazione fuori sede. E abbiamo visto che una volta che l’infrastruttura viene riparata, viene nuovamente danneggiata. Questo è completamente inaccettabile. Non può stare”.

Stabilire una zona di sicurezza

Il capo dell’AIEA ha affermato di aver appreso della situazione dai suoi esperti dispiegati nell’impianto, che è stato sotto il controllo russo sin dai primi giorni della guerra.

Ha aggiunto che le circostanze sempre più terribili in Enerhodar significano anche “c’è il rischio significativo di un impatto sulla disponibilità del personale essenziale in loco per continuare a operare in modo sicuro e protetto ZNPP”.

Il Sig. Grossi ha chiesto un fine immediata di tutti i bombardamenti nell’intera area.

“Questo drammatico sviluppo dimostra il imperativo assoluto stabilire ora una zona di sicurezza e protezione nucleare. Questo è l’unico modo per assicurarci di non dover affrontare un incidente nucleare”, ha affermato.

Ultime Notizie

Back to top button