Esteri

Ucraina: ‘Guerra insensata’ ha scatenato ‘tormenti colossali’: Griffiths al Consiglio di Sicurezza

Durante le operazioni umanitarie in corso, Martin Griffiths ha detto agli ambasciatori di essere venuto a New York per informarli sulla “morte, distruzione, sfollamento e sofferenza diffusi” che si sono verificati dall’invasione del 24 febbraio e sulle sfide che la continua violenza e il clima invernale stavano aggravando.

“Oltre 14 milioni di persone rimangono sfollate con la forza dalle loro case in Ucraina, inclusi 6,5 milioni di sfollati interni in Ucraina e oltre 7,8 milioni di rifugiati registrati in tutta Europa”, ha spiegato.

Salute sotto tiro

Citando l’ufficio Onu per i diritti umani OHCHR, ha affermato che dal 24 febbraio sono stati uccisi 17.023 civili, tra cui 419 bambini, ma “sappiamo che il bilancio reale è di gran lunga maggiore”.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che ci siano stati almeno 715 attacchi al sistema sanitario ucraino, di cui 630 che hanno colpito strutture sanitarie e 61 che hanno colpito il personale.

“Questi attacchi in Ucraina rappresentano oltre il 70% di tutti gli attacchi alle infrastrutture sanitarie segnalati in tutto il mondo quest’anno”, ha affermato il capo dei soccorsi delle Nazioni Unite.

Griffiths ha detto che dal 24 febbraio, 1.148 bambini sono stati uccisi o feriti, “mentre milioni sono fuggiti, sono stati sradicati dalle loro case, separati dalle loro famiglie o messi a rischio di violenza”.

La sofferenza del bambino

È diventato visibilmente soffocato nella camera, riferendo che circa 765.000 bambini hanno avuto bisogno e ricevuto sostegno psicosociale, per aiutarli ad affrontare il trauma che hanno subito.

Nel frattempo, le squadre mobili nei centri per sfollati interni si stanno registrando, valutando e fornendo supporto diretto.

Allo stesso tempo, la violenza di genere nei confronti di donne e ragazze continua a essere pervasiva e sottostimata, ha affermato.

Mentre gli operatori umanitari lavorano per rispondere, stanno potenziando i servizi essenziali, inclusa una rete di spazi sicuri, e fornendo servizi incentrati sui sopravvissuti per donne, ragazze, ragazzi e uomini che hanno subito violenze di genere.

Assalto alla rete energetica

Tra temperature gelide che dovrebbero scendere sotto i -20°C, continuano gli attacchi alle infrastrutture energetiche del Paese, lasciando milioni di persone senza accesso a calore, elettricità e acqua – “aggiungendo un’altra dimensione pericolosa alla crisi umanitaria causata dalla guerra”, disse il signor Griffiths.

Questi attacchi privano le persone dell’assistenza sanitaria di base ei bambini del diritto all’istruzione.

“Oggi in Ucraina la capacità di sopravvivenza dei civili è sotto attacco”, ha precisato, ricordando che i soggetti già vulnerabili, come gli anziani e gli sfollati, sono a maggior rischio.

Secondo il diritto internazionale, “gli oggetti indispensabili alla sopravvivenza… devono essere protetti… durante tutte le operazioni militari”, ha aggiunto Griffiths.

La comunità umanitaria continua a rimanere e ad aiutare gli ucraini, con quasi 690 partner che forniscono assistenza e servizi di protezione essenziali per la vita a 13,5 milioni di persone.

Richiesta di sostegno internazionale

Lavorando 24 ore su 24 per fornire servizi e rifornimenti vitali per l’inverno, hanno già raggiunto più di 630.000 civili, fornendo circa 400 generatori salvavita a strutture essenziali.

Tuttavia, da ottobre, gli attacchi prolungati all’intera rete energetica da parte delle forze russe hanno creato un livello di necessità completamente nuovo, ha avvertito.

“L’entità della distruzione delle infrastrutture elettriche e di riscaldamento richiede un maggiore sostegno da parte della comunità internazionale al governo dell’Ucraina, al di là di quanto gli umanitari possono fornire”, ha avvertito.

UNOCHA/Oleksandr Ratushniak

Una donna raccoglie l’acqua da un camion a Lysychanskt, in Ucraina.

Generosità del donatore

Mr. Griffiths ha elogiato il sostegno senza precedenti dei governi nazionali e di altri, per l’Appello lampo dell’Ucraina delle Nazioni Unite, rilevando la ricezione di 3,1 miliardi di dollari dei 4,3 richiesti entro la fine dell’anno.

“Ad oggi, abbiamo trasferito quasi 1 miliardo di dollari in assistenza umanitaria in denaro a oltre 4,3 milioni di persone”, ha affermato.

“Ma occorre fare di più per colmare il deficit di fondi. Il supporto continuo è fondamentale per sostenere le operazioni umanitarie fino al 2023”.

Accedere a chi ne ha bisogno

Pur riconoscendo alcuni miglioramenti nell’accesso umanitario, ha affermato che permangono ostacoli al raggiungimento delle aree di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia.

“È assolutamente vitale che gli operatori umanitari possano inviare personale e convogli inter-agenzia per consegnare generi di soccorso a tutti i bisognosi, ovunque si trovino”, ha sottolineato.

Dei 13,5 milioni di persone raggiunte da febbraio, circa un milione si trova in aree al di fuori del controllo del governo ucraino.

“In base al diritto umanitario internazionale, tutte le parti devono consentire e facilitare il passaggio rapido e senza ostacoli degli aiuti umanitari per i civili bisognosi e devono garantire che il personale di soccorso abbia la libertà di movimento necessaria per il proprio lavoro”, ha affermato.

‘Mettercela tutta’

All’inizio del 2022, 274 milioni di persone avevano bisogno di assistenza umanitaria. Il numero previsto per il 2023 è ora salito a 339 milioni, un aumento del 24%, ha detto Griffiths agli ambasciatori.

“Rappresenta una persona su 23 sul pianeta”, ha detto, equiparando il numero a una popolazione delle dimensioni del paese più popoloso del mondo.

“Dobbiamo fare di più per invertire questa tendenza devastante e… raddoppiare tutti gli sforzi per prevenire un’ulteriore escalation e porre fine alla guerra in Ucraina… e non risparmiare sforzi per la pace”.

Clicca qui per vedere l’incontro nella sua interezza.

Ultime Notizie

Back to top button