Esteri

Ucraina: Guterres chiede ‘sicurezza’ e ‘protezione’ della centrale nucleare di Zaporizhzhia

Guterres gravemente preoccupato

La più grande centrale nucleare d’Europa è stata oggetto di ripetuti bombardamenti nelle ultime settimane, suscitando i timori di un potenziale disastro nucleare.

Sottolineando la sua continua grave preoccupazione per la situazione, il capo delle Nazioni Unite ha nuovamente avvertito che qualsiasi danno a Zaporizhzhia, oa qualsiasi altro impianto nucleare in Ucraina, potrebbe provocare una catastrofe di vasta portata.

Rimango gravemente preoccupato per la situazione dentro e intorno allo stabilimento di Zaporizhzhia, comprese le notizie di recenti bombardamenti.

Diciamo le cose come stanno: qualsiasi danno, intenzionale o meno, a Zaporizhzhia o in qualsiasi altro impianto nucleare in Ucraina, potrebbe significare una catastrofe. pic.twitter.com/oi5a6sgOUS

— Antonio Guterres (@antonioguterres) 6 settembre 2022

“Occorre adottare tutte le misure per evitare uno scenario del genere. Il buon senso e la cooperazione devono guidare la strada da seguire. Qualsiasi azione che potrebbe mettere in pericolo l’integrità fisica, la sicurezza o la protezione della centrale nucleare è inaccettabile”, ha affermato.

Perimetro demilitarizzato

Il Segretario generale ha sottolineato che gli sforzi per ristabilire l’impianto come infrastruttura puramente civile sono vitali.

“Come primo passo, le forze russe e ucraine devono impegnarsi a non impegnarsi in alcuna attività militare verso il sito dell’impianto o dal sito dell’impianto. La struttura di Zaporizhzhia e i suoi dintorni non devono essere un obiettivo o una piattaforma per operazioni militari”, ha affermato.

Il secondo passo comporterebbe il raggiungimento di un accordo su un perimetro smilitarizzato.

“In particolare, ciò includerebbe l’impegno delle forze russe a ritirare tutto il personale militare e l’equipaggiamento da quel perimetro e l’impegno delle forze ucraine a non entrarvi. Gli operatori dell’impianto devono essere in grado di svolgere le proprie responsabilità e le comunicazioni devono essere mantenute”.

Il Segretario generale ha chiesto l’impegno a sostenere gli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di stanza presso l’impianto.

Dopo mesi di trattative, la scorsa settimana è arrivata lì una squadra di 14 membri dell’organismo di controllo nucleare. Due rimarranno nel sito, che è stato sotto il controllo russo sin dai primi giorni del conflitto.

“Confido che gli esperti dell’AIEA ora dispiegati a Zaporizhzhia saranno in grado di svolgere il loro lavoro senza ostacoli e contribuire a garantire la sicurezza nucleare duratura e la protezione dell’impianto. Tutti noi abbiamo un interesse nel successo della loro missione fondamentale”, ha affermato.

Missione ‘storica’ dell’AIEA

Il capo dell’AIEA Rafael Mariano Grossi, che guidava la missione, l’aveva definita “storica”. Il fatto che ora il personale sia presente è “senza precedenti”, ha aggiunto.

Citando i disastri nucleari a Chernobyl e Fukushima, così come il conflitto in Iraq, ha ricordato che mentre gli ispettori dell’agenzia hanno vissuto “circostanze difficili”, ciò è sempre avvenuto in seguito.

“Noi in questo caso abbiamo l’imperativo storico ed etico di impedire che qualcosa accada. E avendo stabilito questa presenza e accettando una zona speciale di sicurezza e protezione… abbiamo l’opportunità di impedire che ciò accada”.

Ⓒ AIEA

La centrale nucleare di Zaporizhzhya in Ucraina.

‘Giocando con il fuoco’

Il rapporto della missione, pubblicato martedì, fornisce raccomandazioni concrete per affrontare i sette pilastri della sicurezza nucleare che Grossi aveva delineato all’inizio della guerra.

Sebbene il primo pilastro richieda di non violare l’integrità fisica degli impianti nucleari, “questo è accaduto e continua ad accadere”, ha affermato.

“I riscontri che questa struttura ha ricevuto e che ho potuto vedere e valutare personalmente insieme ai miei esperti sono semplicemente inaccettabili. Stiamo giocando con il fuoco e potrebbe accadere qualcosa di molto, molto catastrofico”, ha avvertito.

Il rapporto propone l’istituzione di una zona di sicurezza e protezione nucleare che sarebbe limitata al perimetro e all’impianto stesso.

Altre raccomandazioni richiedono la rimozione di tutti i veicoli e le attrezzature militari dagli edifici nucleari del sito e di garantire il ritorno a responsabilità chiare e di routine per il personale, oltre a ristabilire un ambiente di lavoro “appropriato”.

Ultime Notizie

Back to top button