Esteri

Ucraina: i principali appelli ufficiali degli aiuti delle Nazioni Unite per l’accesso attraverso la linea di contatto

“L’inverno sta arrivando,…[and] tutto quello che vogliamo fare [is] fornire insulina agli ospedali, fornire coperte, fornire materassi…non è complicato”, ha affermato Denise Brown, il coordinatore residente delle Nazioni Unite in Ucraina.

La coordinatrice umanitaria Denise Brown ha iniziato oggi una missione di tre giorni nell’Ucraina centrale e orientale per vedere in prima persona l’impatto umanitario della guerra e la risposta.

Questa è la sua prima visita nell’est da quando ha assunto il suo ruolo a fine luglio.
👉🏼https://t.co/FMCETRw43z pic.twitter.com/qVHcvYTclS

— OCHA Ucraina (@OCHA_Ucraina) 25 agosto 2022

Attualmente è in missione di tre giorni nell’Ucraina centrale e orientale (Kryivyi Rih, Kharkiv e Dnipro) per valutare in prima persona la situazione umanitaria.

Trattative ‘costanti’

La signora Brown ha detto ai giornalisti a Ginevra che l’ONU “negozia costantemente” per l’accesso, “su e giù” la linea che divide coloro che combattono la guerra derivante dall’invasione russa del 24 febbraio, nel sud e nell’est.

La signora Brown ha anche affermato di non avere modo di confermare quali articoli di soccorso, “se non altro”, la Russia avrebbe inviato in aree non controllate dal governo. Le organizzazioni umanitarie “semplicemente non hanno un modo affidabile per attraversare la linea del fronte”.

Ma lei ha detto che lo era “speriamo che la Federazione Russa fornisca le garanzie di sicurezza che dobbiamo attraversare”.

Finora hanno “ha raggiunto meno di un milione di persone nelle aree non controllate dal governo” e ha avvertito: “se gli agricoltori non possono raggiungere la loro terra, ciò avrà un enorme impatto sulla loro situazione economica”.

Inverno spaventoso in arrivo

La coordinatrice degli aiuti delle Nazioni Unite ha anche avvertito che l’inverno si sta avvicinando rapidamente in Ucraina e che non credeva che le comunità vulnerabili dell’est e del sud avessero ciò di cui avevano bisogno per sopravvivere.

Sei mesi dall’invasione della Russia, quasi 18 milioni di persone, circa il 40 per cento dell’intera popolazione del paesehanno bisogno di aiuti umanitari.

Molti anziani vivevano in case danneggiate e la mancanza di accesso a gas o elettricità in gran parte dell’est “Potrebbe essere una questione di vita o di morte” se le persone non potessero riscaldare le loro case, ha detto la signora Brown in una dichiarazione.

Per quanto riguarda i piani dell’OCHA per l’inverno, la signora Brown ha spiegato, “dovremo lavorare in modo diverso… possiamo solo presumere” che le persone coinvolte in una guerra “non abbiano ciò che è necessario per farcela”, la stagione, “che inizia presto e dura a lungo”.

Comunità umanitaria che consegna

In una nota positiva, il Coordinatore umanitario ha sottolineato che la guerra non ha impedito alla comunità umanitaria di fornire: “Dall’inizio della guerra, abbiamo raggiunto oltre 12 milioni di persone”, fornendo “trasferimenti di denaro, assistenza sanitaria, riparo… accesso all’acqua pulita, protezione, riabilitazione”.

Anche la produzione agricola è “ora finalmente in movimento” grazie all’iniziativa Black Sea Grain, mediata dalle Nazioni Unite. Ciò “avrà un impatto sulle famiglie, sugli agricoltori e sulle loro comunità e sull’insicurezza alimentare, in particolare nel Corno d’Africa in questo momento”, ha aggiunto.

Avendo incontrato persone sradicate dalla guerra, la signora Brown ha detto che “il morale e la speranza erano ancora lì”. Mentre gli sfollati interni le hanno detto di essere grati per il sostegno delle Nazioni Unite e delle ONG, “vogliono comunque tornare a casa”.

Ultime Notizie

Back to top button