Ucraina: l’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite deplora l’attacco a Donetsk occupata dai russi

Nel frattempo, a New York, il Consiglio di Sicurezza si è riunito ancora una volta per discutere della guerra derivante dall’invasione russa, di cui il mese prossimo segnerà il sanguinoso secondo anniversario.

Secondo quanto riferito dai media, almeno 27 civili sono stati uccisi e altri 25 feriti negli attacchi di Donetsk che hanno colpito i mercati locali e una vicina zona residenziale della città.

L’OHCHR sta cercando di ottenere maggiori informazioni sull’attacco, nonostante non abbia accesso alla città e ad altre aree occupate in Ucraina, ha detto lunedì in una dichiarazione la portavoce Ravina Shamdasani.

“È fondamentale che vengano condotte indagini approfondite, tempestive e indipendenti per determinare i fatti e le responsabilità di questo attacco”, ha affermato.

“L’indagine dovrebbe stabilire se questo attacco abbia violato la legge applicabile sulla condotta delle ostilità, al fine di garantirne l’assunzione delle responsabilità”.

La signora Shamdasani ha inoltre sottolineato la necessità di garantire il rigoroso rispetto del diritto internazionale umanitario e che le parti in conflitto prendano tutte le precauzioni necessarie per proteggere i civili dai danni.

“Obbligo inequivocabile”

Lunedì mattina, a New York, rivolgendosi al Consiglio di Sicurezza, Adedeji Ebo, vice alto rappresentante delle Nazioni Unite per gli affari del disarmo, ha ribadito il “dovere” delle parti in guerra di proteggere i civili.

“Si tratta di un obbligo inequivocabile”, ha detto, informando gli ambasciatori.

“Lo ripeto: gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili sono proibiti dal diritto internazionale. Tutti questi attacchi devono cessare immediatamente”.

A partire da domenica, l’OHCHR ha verificato 10.287 civili uccisi e altri 19.444 feriti dall’inizio dell’invasione su vasta scala della Russia il 24 febbraio 2022. Le cifre reali sono probabilmente molto più elevate.

Prevenire un’ulteriore escalation

Ebo ha affermato che i continui attacchi contro i civili e le infrastrutture civili sono seriamente dolorosi, aggiungendo che l’uso di droni aerei e missili ha provocato molti morti e feriti.

“Proprio come qualsiasi altra arma o sistema d’arma, i veicoli aerei e i missili armati senza equipaggio non devono essere utilizzati in modo incompatibile con il diritto umanitario internazionale”, ha affermato.

Ha ribadito l’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite a tutti gli Stati affinché contribuiscano a prevenire un’ulteriore escalation e a realizzare una pace sostenibile.

“L’unico modo per porre fine alla sofferenza e alla devastazione è porre fine a questa guerra”, ha affermato Ebo.

Adedeji Ebo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari del disarmo (UNODA) informa il Consiglio di sicurezza.

Il Consiglio è una distrazione: l’Ucraina

Prima dell’incontro, Sergiy Kyslytsya, ambasciatore ucraino e rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, ha criticato la Russia per aver chiesto “l’ennesimo incontro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per criticare i trasferimenti legali di armi all’Ucraina effettuati a sostegno del diritto intrinseco dell’Ucraina all’autodifesa”. .

“L’incontro di oggi è un altro tentativo da parte della Federazione Russa di distrarre dalla guerra di aggressione contro l’Ucraina e dalla sua intensificata campagna di attacchi aerei sistematici che uccidono civili e distruggono infrastrutture critiche”, ha detto durante un appostamento stampa, accanto a dozzine di ambasciatori e rappresentanti. di altre nazioni e dell’Unione Europea.

Il sostegno occidentale impedisce la pace: la Russia

Al Consiglio di Sicurezza, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che “la maggioranza assoluta degli esperti imparziali” vede chiaramente che il fattore chiave che impedisce la soluzione pacifica della crisi ucraina “è il continuo sostegno da parte dell’Occidente al regime di Kiev ”.

E questo “nonostante sia evidentemente in agonia e non sia in grado di raggiungere l’obiettivo prefissato, vale a dire infliggere una sconfitta strategica alla Russia”, ha affermato.

Ha aggiunto che la realtà è che “nonostante il completo fallimento” delle forze armate ucraine sul campo di battaglia, i “padroni occidentali del regime di Kiev” continuano a spingerle verso uno scontro militare insensato.

© UNOCHA/Oleksii Holenkov

Una struttura di maternità a Dnipro gravemente danneggiata dagli attacchi aerei. (file)

Pessima situazione umanitaria

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), la guerra continua a infliggere “incommensurabili sofferenze umane” e sta mettendo milioni di persone a rischio di gravi violazioni e generando gravi bisogni umanitari.

Milioni di persone in tutta l’Ucraina sono state costrette a lasciare le proprie case, tra cui quasi sei milioni vivono come rifugiati al di fuori dei suoi confini.

Lo sfollamento prolungato ha spinto molti sull’orlo del baratro.

Nel 2024, 14,6 milioni di persone – circa il 40% della popolazione ucraina – avranno bisogno di assistenza umanitaria.

Le agenzie e i partner delle Nazioni Unite mirano a raggiungere 8,5 milioni di persone con aiuti, concentrandosi sui bisogni più gravi e dando priorità alle comunità in prima linea e nelle aree limitrofe.

Diritti dei bambini

Nel frattempo a Ginevra, il Comitato sui diritti dell’infanzia, un organismo di 18 esperti indipendenti che monitora l’attuazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia da parte dei suoi Stati parti, sta discutendo il trattamento e le condizioni dei bambini in Russia, compreso il destino dei bambini Bambini ucraini sarebbero stati deportati in Russia nel corso del conflitto.

Lunedì e martedì il Comitato discuterà con i rappresentanti del governo ed esaminerà i rapporti e le proposte presentate dalla Russia e dalle organizzazioni non governative (ONG).

Oltre alla Russia, il Comitato esaminerà anche la situazione in Congo, Bulgaria, Senegal, Lituania e Sud Africa nella sessione in corso, che si concluderà la prossima settimana.

Ultime Notizie

Back to top button