Esteri

Ucraina: l’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite indaga sulle ‘fosse comuni’ nell’est appena liberato

Lo sviluppo segue la liberazione delle aree orientali dell’Ucraina durante la controffensiva in corso, precedentemente detenuta da forze russe o appoggiate dalla Russia.

Il @E consegnato oggi cibo, acqua, kit per l’igiene e riparo, coperte e biancheria da letto a più di 13.000 persone a Shevchenkove.
Questo è il primo di una serie di convogli umanitari diretti a civili che vivono nelle aree dell’oblast di Kharkivska, divenute accessibili agli operatori umanitari solo pochi giorni fa. pic.twitter.com/rTGZhGm6rb

— OCHA Ucraina (@OCHA_Ucraina) 16 settembre 2022

Un agente di polizia ucraino avrebbe affermato che si ritiene che più di 400 corpi siano stati trovati in un luogo.

Venerdì a Ginevra, l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, OHCHR, ha affermato che gli investigatori delle Nazioni Unite già in Ucraina starebbero cercando di vedere se quelli sepolti fossero soldati o civili e se fossero morti nelle ostilità o per cause naturali.

Echi di Mariupol

“Come forse ricorderete, è stato qualcosa che è emerso molto durante i combattimenti (durante) l’assedio di Mariupol”, ha detto la portavoce dell’OHCHR Liz Throssell.

“Ci sono state queste segnalazioni di tombe collettive; era davvero un caso di guardare se le persone erano state uccise o erano morte per cause naturali perché non erano in grado di ricevere cureed erano stati effettivamente sepolti in fosse collettive”.

Ci sono stati numerose accuse di atrocità commesso contro i civili dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

A maggio, la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina ha raccolto testimonianze di ucraini che hanno affermato che i cecchini posizionati sui tetti “sparirebbe in modo abbastanza casuale contro i civili” per dissuaderli dal lasciare le loro case.

E a Bucha e in altre città suburbane a nord di Kiev che sono state invase dalle truppe russe, gli stessi investigatori hanno registrato il uccisione illegale di oltre 300 uomini, donne e bambini.

In una conferenza stampa a Ginevra a maggio, il capo della missione di monitoraggio, Matilda Bogner, ha dichiarato a UN News che molti ucraini hanno continuato a cercare parenti e amici scomparsi, principalmente giovani uomini. Alcuni potrebbero essere stati portati in Bielorussia e poi in Russia, ha detto la signora Bogner.

Ultime Notizie

Back to top button