Esteri

Ucraina: oltre 14.000 vittime fino ad oggi, ma “i numeri effettivi sono probabilmente considerevolmente più alti”

Matilda Bogner ha presentato alcuni dei risultati del suo ultimo rapporto ai giornalisti a Ginevra, in Svizzera.

Il conflitto è ora al suo settimo mese e la sua squadra ha confermato fino ad oggi 14.059 vittime civili, con 5.767 persone uccise e 8.292 ferite.

“Come abbiamo più volte affermato, sappiamo che i numeri effettivi sono probabilmente considerevolmente più alti,” lei ha aggiunto.

Ascoltare le vittime

La signora Bogner stava parlando dalla città di Odesa, nel sud dell’Ucraina. La Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite è nel Paese dal 2014, in seguito all’inizio dei combattimenti nell’est tra forze governative e separatisti.

Il suo ultimo rapporto sarà pubblicato il 27 settembre.

Altri risultati rivelano almeno 416 vittime accertate di detenzioni arbitrarie e sparizioni forzate nel territorio occupato dalla Russia o nelle aree sotto il suo controllo. Sedici sono stati trovati morti, mentre 166 sono stati rilasciati.

Nel frattempo, 51 arresti arbitrari e altri 30 casi che potrebbero equivalere a sparizione forzata sono stati perpetrati dalle forze dell’ordine ucraine.

Status dei prigionieri di guerra

La Missione ha anche documentato una serie di violazioni contro prigionieri di guerra. Sebbene al personale sia stato concesso l’accesso senza ostacoli ai luoghi di internamento e detenzione nel territorio controllato dall’Ucraina, la Russia non ha fornito l’accesso ai prigionieri di guerra detenuti sul suo territorio o nel territorio sotto occupazione.

“Questo è tanto più preoccupante poiché abbiamo documentato che i prigionieri di guerra in potere della Federazione Russa e detenuti dalle forze armate della Federazione Russa o da gruppi armati affiliati hanno subito torture e maltrattamenti e in alcuni luoghi di detenzione mancano cibo, acqua, assistenza sanitaria e servizi igienici adeguati”, ha affermato la signora Bogner.

Sono stati anche informati della grave situazione sanitaria nella colonia penale di Olenivka, situata a est.

Secondo quanto riferito, molti prigionieri di guerra ucraini soffrono di epatite A, tubercolosi e altre malattie infettive. Inoltre, a molti non è stato permesso di contattare i propri parenti, privando le loro famiglie del diritto di sapere cosa è successo loro.

Appello alla Russia

“Abbiamo seguito anche i casi di diversi prigionieri di guerra in stato di gravidanza internato in luoghi controllati dalle forze armate russe e dai gruppi armati affiliati. Esortiamo la Federazione Russa, in quanto potenza detentrice, a considera l’immediato rilascio di queste donne per motivi umanitari”, ha detto la signora Bogner.

La Missione ha anche documentato casi di tortura e maltrattamento di prigionieri di guerra nel territorio controllato dal governo, di solito al momento della cattura, durante gli interrogatori iniziali o il trasporto nei campi di internamento.

“La nostra Missione ha potuto visitare un campo di prigionia ucraino. Notiamo, tuttavia, che la maggior parte dei prigionieri di guerra continua a essere detenuta in strutture penitenziarie, violando la regola che i prigionieri di guerra non devono essere internati in stretta reclusione.”

ONU Ginevra/Siyao Yang

Matilda Bogner, Capo della Missione di monitoraggio dei diritti umani in Ucraina (foto d’archivio).

Problemi di Crimea

La signora Bogner ha anche riferito del “significativo deterioramento” della situazione in Crimea, occupata dalla Russia dal 2014.

Ha citato restrizioni all’esercizio delle libertà fondamentali, tortura e maltrattamenti, sparizioni forzate e arresti arbitrari e violazioni del diritto a un processo equo, nonché mancanza di responsabilità per tali violazioni dei diritti umani.

La Missione è preoccupata per il fatto che vi siano documentati modelli di violazioni dei diritti umani può essere ripetuto nel territorio appena occupato dalla Russia.

“In Crimea, la Federazione Russa continua a reprimere la libertà di espressione applicando una legislazione vaga e mal definita, penalizzando le critiche reali o percepite alla Federazione Russa e alle sue forze armate”, ha affermato.

“Da marzo abbiamo documentato il perseguimento di 89 persone in Crimea per – e cito – ‘azioni pubbliche volte a screditare le forze armate della Federazione Russa’”.

Ritorsione, arresti, intimidazioni

Nel frattempo, gli insegnanti che si sono rifiutati di sostenere quella che la Russia ha chiamato la sua “operazione militare speciale” in Ucraina, devono affrontare ritorsioni e sanzioni. Attivisti per i diritti umani sono stati arrestati e perseguiti per il loro lavoro e gli avvocati difensori sono stati intimiditi.

“Abbiamo documentato arresti arbitrari e torture di individui arrestati nella regione di Kherson occupata dai russi e trasferiti in Crimea”, ha affermato la signora Bogner.

“Inoltre, gli uomini che attraversano la linea di confine amministrativa dall’Ucraina continentale alla Crimea sono stati sottoposti alla cosiddetta ‘filtrazione’ da parte del Servizio di sicurezza federale russo ai posti di blocco. Secondo rapporti credibili ricevuti dalla nostra Missione, ciò li espone al rischio di sparizioni forzate, arresti arbitrari, torture e maltrattamenti”.

Impegno alla rendicontazione

Ha aggiunto che i tartari di Crimea continuano a subire intimidazioni e molestie, incursioni della polizia e perquisizioni domiciliari e procedimenti giudiziari per reati legati al terrorismo e all’estremismo che “spesso non rispettano gli standard dei diritti umani”.

Inoltre, i detenuti del gruppo etnico continuano ad essere deportati in aree remote della Federazione Russa per scontare la pena.

La signora Bogner ha affermato che la Missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite continuerà a documentare e riferire i fatti sul campo, comprese le voci delle vittime.

“Riteniamo che ciò sia una parte essenziale per cercare di prevenire ulteriori violazioni e ritenere coloro che sono responsabili per le violazioni già commesse”.

Ultime Notizie

Back to top button