Esteri

Ucraina: ONU e partner aumentano l’assistenza a oltre 150.000 nella regione di Kharkiv

Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per l’Ucraina, Denise Brown, era a Kharkiv lunedì e gli operatori umanitari avevano iniziato a fare consegne salvavita alle migliaia di bisognosi, pochi giorni dopo il ritiro delle truppe russe in seguito al contrattacco ucraino a sorpresa per proteggere la regione circostante la seconda città più grande del paese.

Il @E e i partner umanitari stanno intensificando gli sforzi per assistere oltre 150.000 persone colpite dalle recenti ostilità nell’oblast di Khakivska. Le consegne sono iniziate pochi giorni dopo che il governo ucraino ha annunciato di aver ripreso il controllo dell’oblast:
➡https://t.co/erPnnm9Y7L pic.twitter.com/0bxu7TQMEe

— OCHA Ucraina (@OCHA_Ucraina) 26 settembre 2022

Kharkiv si trova nell’Ucraina nord-orientale, a poche miglia dal confine russo. Le autorità ucraine hanno affermato di aver riconquistato circa 6.000 chilometri quadrati di territorio dalla Russia durante la controffensiva di settembre.

Cibo per oltre 73.000

Una dichiarazione rilasciata lunedì dal portavoce dell’Ufficio di coordinamento per gli affari umanitari (OCHA) delle Nazioni Unite, afferma che “negli ultimi 10 giorni, gli operatori umanitari hanno distribuito cibo a più di 73.000 persone, quasi la metà delle persone che vivono in queste aree che, fino a quando un poco tempo fa, erano fuori dalla nostra portata”.

“I nostri colleghi hanno anche consegnato kit per l’igiene a circa 12.000 persone, oltre a set da cucina, lampade solari, coperte e altri articoli essenziali per la casa a circa 15.000”, ha continuato Saviano Abreu di OCHA.

Forniture mediche

“I centri sanitari sono stati riforniti di medicine, kit chirurgici e kit sanitari di emergenza sufficienti per curare 10.000 pazienti nelle prossime settimane”.

La coordinatrice umanitaria, la signora Brown, ha incontrato i lavoratori con le organizzazioni locali e i volontari e ha notato che c’è “una terribile situazione umanitaria” in tutta la regione.

Ha visitato alcune città che da metà settembre sono tornate sotto il controllo del governo e ha assistito al livello di distruzione delle infrastrutture civili, comprese case, scuole e ospedali.

Ampliare lo sforzo di aiuto

“La comunità umanitaria sta lavorando a stretto contatto con le autorità nazionali e locali, nonché con i gruppi di volontari, per ampliare ulteriormente l’assistenza e aiutare le persone che hanno sopportato gli orrori di sette mesi di guerra senza un adeguato accesso ai beni di prima necessità”, ha concluso Abreu .

Ultime Notizie

Back to top button