Un americano nuota nella Senna di Parigi prima delle Olimpiadi nonostante i timori di contaminazione

Parigi —

Un nuotatore americano di 76 anni si è tuffato giovedì nella Senna, sfidando le acque torbide del centro di Parigi per celebrare il 4 luglio e sottolineare gli sforzi del governo francese per ripulire il fiume in vista delle Olimpiadi.

Il tempismo è stato perfetto: ore dopo, le autorità regionali hanno diffuso dati che mostravano un miglioramento della qualità dell’acqua del fiume nel corso della settimana appena trascorsa, alimentando la speranza che possa finalmente ospitare le gare olimpiche di nuoto.

Joel Stratte McClure, che nuotò nella Senna per l’ultima volta nel 1976 per un servizio fotografico sulla copertina di una rivista, ha affermato di essere rimasto colpito dai progressi compiuti nella bonifica del fiume, ma di avere ancora dubbi sulla sua sicurezza.

“Potrei pentirmi di aver nuotato”, ha detto McClure prima di entrare in acqua. “Ma se torno vivo, dimostrerò che i francesi hanno fatto un buon lavoro nel ripulire il fiume”.

Inizialmente, il sindaco di Parigi Anne Hidalgo aveva pianificato di nuotare nella Senna il mese scorso per dimostrarne la pulizia, scatenando una campagna online da parte di molti detrattori che minacciavano di defecare nel fiume il giorno del suo tuffo.

Ma ha rinviato la gara dopo che il presidente Emmanuel Macron ha annunciato elezioni legislative anticipate, che hanno fatto sprofondare la Francia in tensioni politiche e offuscato l’entusiasmo pre-olimpico per molti.

Le forti piogge degli ultimi mesi hanno causato correnti più veloci del solito per questo periodo dell’anno e Hidalgo afferma che nuoterà nel fiume a metà luglio.

“Penso che il presidente abbia organizzato nuove elezioni per evitare di nuotare nella Senna”, ha scherzato McClure.

Dopo una breve nuotata, dichiarò che l’acqua era “fantastica” e si augurò che altri seguissero il suo esempio e approfittassero del fiume più pulito.

Durante le Olimpiadi, che si svolgeranno dal 26 luglio all’11 agosto, e le Paralimpiadi, che si svolgeranno dal 28 agosto all’8 settembre, nel fiume vicino al ponte Alessandro III si svolgeranno gare di nuoto e triathlon.

Livelli pericolosi di Escherichia coli sono stati trovati nel fiume la scorsa settimana per la terza settimana consecutiva. Ma giovedì le autorità regionali hanno pubblicato nuovi risultati che mostrano un miglioramento.

I risultati dei test effettuati dal gruppo di monitoraggio Eau de Paris mostrano che per tutti i giorni, tranne uno, dal 26 giugno al 2 luglio, i livelli di contaminazione erano al di sotto del limite di sicurezza di 900 unità formanti colonie per 100 millilitri stabilito dalla Federazione Mondiale di Triathlon per le competizioni.

Le autorità francesi restano ottimiste e insistono sul fatto che non esiste un piano B per le gare olimpiche di nuoto in acque libere.

Ultime Notizie

Back to top button