Zerocalcare sostiene il progetto di un ristorante a Roma in aiuto dei sopravvissuti agli sgomberi

Il fumettista romano aderisce al progetto di solidarietà del ristorante della Garbatella.

Zerocalcare, il fumettista italiano noto per le sue serie animate di successo su Netflix, sostiene un nuovo ristorante romano che offrirà sostegno alle donne sopravvissute alla violenza domestica.

Il fumettista romano, il cui vero nome è Michele Rech, è uno dei quattro soci dell’Osteria Sauli, che aprirà a metà settembre nel quartiere Garbatella della capitale.

La notizia, riportata per la prima volta dalla guida ristoranti Gambero Rosso, vedrà Zerocalcare collaborare con il ristoratore Antonello Magliari e gli chef Stefania Pinto e Francesco Cianciarelli che proporranno piatti della tradizione romana ma anche piatti abruzzesi e pugliesi.

“Volevamo fare qualcosa insieme e l’idea di Michele, che abbiamo subito accolto e condiviso, è stata quella di aprire una vera osteria romana in uno dei quartieri più autentici di Roma” – ha raccontato Magliari al Gambero Rosso – “ma anche creare un ambiente in cui essere utile dal punto di vista sociale”.

Il nuovo ristorante collaborerà con Lucha Y Siesta, un gruppo di femministe e attiviste per i diritti delle donne che dal 2008 offre rifugio, supporto legale e psicologico alle vittime di violenza di genere a Roma.

Nell’ambito dell’accordo con Lucha Y Siesta, Osteria Sauli garantirà lavoro e formazione alle donne, offrendo loro l’opportunità di un nuovo inizio nella vita.

Magliari ha chiarito che Zerocalcare – noto soprattutto per i suoi originali programmi di animazione This World Can’t Tear Me Down e Tear Along the Dotted Line – è un partner finanziario e che i commensali che arrivano con la speranza di vederlo servire ai tavoli o mangiare al ristorante probabilmente resteranno delusi.

Mercoledì Zerocalcare ha sottolineato lo stesso in un post su Instragram, dicendo che non è stato lui ad aprire un’osteria, “per evidenti carenze gastro-imprenditoriali”, ma che ha preso una quota nel ristorante “perché avevo voglia di contribuire e dando una mano ad un progetto che coinvolge miei amici e persone di cui mi fido.”

Magliari ha detto che secondo tutti i piani l’osteria aprirà a metà settembre in un’ex cartoleria in piazza Sauli.

Ultime Notizie

Back to top button