Mondo

I capi spaziali del Regno Unito giurano di riprovare dopo il fallimento del lancio del razzo

Londra —

Martedì i capi del settore spaziale si sono detti delusi dal fallimento del primo tentativo storico del paese di lanciare satelliti dal suolo britannico, ma si sono impegnati a indagare e riprovare.

Il fallimento della missione nella tarda serata di lunedì è un duro colpo per il nascente settore spaziale del Regno Unito.

Se avesse avuto successo, avrebbe reso il Regno Unito uno dei soli nove paesi in grado di lanciare razzi nell’orbita terrestre.

Un Boeing 747 della Virgin Orbit che trasportava il razzo di 21 metri è decollato da uno spazioporto in Cornovaglia, nel sud-ovest dell’Inghilterra, alle 22:02 GMT di lunedì.

Cosmic Girl, un aeromobile Virgin Boeing 747-400, siede sulla pista con il razzo LauncherOne di Virgin Orbit attaccato all’ala, prima del primo lancio, allo Spaceport Cornwall all’aeroporto di Newquay a Newquay, Gran Bretagna, 9 gennaio 2023.

Il razzo si è poi staccato dall’aereo e si è acceso come previsto a un’altezza di 35.000 piedi sopra l’Oceano Atlantico a sud dell’Irlanda intorno alle 2315 GMT.

Ma poiché il razzo doveva entrare in orbita e scaricare i suoi nove satelliti, gli scienziati hanno segnalato una “anomalia” che gli ha impedito di raggiungere l’orbita.

Il CEO di Virgin Orbit, Dan Hart, ha elogiato i team di lancio, ma ha affermato che il loro compito è stato complicato dalla “natura per la prima volta di questa missione” che ha “aggiunto livelli di complessità”.

“Lavoreremo instancabilmente per comprendere la natura del guasto, intraprendere azioni correttive e tornare in orbita non appena avremo completato un’indagine completa e un processo di garanzia della missione”, ha aggiunto.

L’agenzia spaziale britannica ha affermato che lavorerà a stretto contatto con Virgin Orbit per “indagare su ciò che ha causato l’anomalia”.

“Sebbene questo risultato sia deludente… il progetto è riuscito a creare una capacità di lancio orizzontale presso lo Spaceport Cornwall”, ha affermato Matt Archer, direttore dei voli spaziali commerciali dell’agenzia.

Il lancio di lunedì sarebbe stato il primo dal suolo britannico. I satelliti prodotti nel Regno Unito in precedenza dovevano essere inviati in orbita tramite porti spaziali stranieri.

‘Entro un anno’

I satelliti dovevano avere una varietà di funzioni civili e di difesa, dal monitoraggio del mare per aiutare i paesi a rilevare i trafficanti di persone e l’osservazione della meteorologia spaziale.

Lucy Edge, CEO di Satellite Applications Catapult, ha affermato che la pianificazione inizierà immediatamente per una missione sostitutiva per un cliente che aveva a bordo un satellite di sorveglianza marittima.

Ma ha detto che il quadro più ampio era la questione delle capacità di lancio del Regno Unito.

“Continueremo a farlo. Otterremo una capacità di lancio dal Regno Unito, probabilmente più di una. Penso che entro un anno sia del tutto ragionevole”, ha detto alla radio della BBC.

Il numero di basi spaziali in Europa è cresciuto negli ultimi anni a causa della commercializzazione dello spazio.

Per molto tempo i satelliti sono stati utilizzati principalmente per missioni istituzionali da parte delle agenzie spaziali nazionali, ma la maggior parte dei progetti di porti spaziali europei sono ora iniziative del settore privato.

Il mercato è esploso con l’emergere di piccole start-up, la tecnologia moderna che rende più piccoli sia i razzi che i satelliti e il numero in rapida crescita di applicazioni per i satelliti.

Ultime Notizie

Back to top button